Riforma elettorale entro i due anni dall’inizio della legislatura

Inevitabile. È inevitabile ciò che accade in Commissione Affari Costituzionali relativamente alla riforma della legge elettorale. Gli interessi strumentali prevalgono sulle argomentazioni. Il potere sulla validità. Non si può riformare alle soglie del voto una questione così determinante come la legge che decreterà le sorti e la natura della prossima legislatura.

I sondaggi sono ormai troppo eloquenti per essere esclusi da considerazioni strategiche. Il problema, a questo punto, è che non vi è neanche l’ombra di valutazioni, da parte dei partiti, che vadano al di là della semplice razionalità strumentale. Ognuno tira acqua al suo mulino, e tenta di estorcere il massimo vantaggio possibile dal provvedimento che verrà emanato. Questo non è accettabile.

La legge elettorale è una passaggio così fondamentale nelle sorti di un paese, che non si può pensare di strutturarla sulla base di considerazioni che non siano eminentemente normative. Ogni legge, e in misura maggiore la legge elettorale, veicola un’idea di Stato, che non può essere uno Stato governato da-, ma deve essere uno Stato pensato per-.

A questo proposito propongo di vietare, tramite legge costituzionale, ogni riforma della legge elettorale che non si compia entro i due anni dall’inizio della legislatura. Due anni sono un tempo ragionevole per ponderare adeguatamente una tale riforma, e al tempo stesso il limite posto complica i calcoli strumentali. In tre anni (questo il tempo rimanente della legislatura) i giochi possono cambiare parecchio, sicché è quasi impossibile non ragionare sulla base di mere valutazioni rispetto al valore. Nel caso, invece, le camere fossero sciolte prima dei cinque anni, e si andasse verso elezioni anticipate si potrebbe rendere valida la riforma solo dalle successive elezioni, dunque dopo un’altra legislatura ancora. In questo modo si eviterebbero raffinate strategie destabilizzanti per affrettare la crisi e prevedere con maggior grado di approssimazione gli esiti del voto.

Questa la mia proposta. Passibile, come tutte le tesi, di critica.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...